Preview Euro2016: Girone C

Preview Euro2016: Girone C

Il countdown per gli europei di Francia scorre veloce, in attesa del 10 giugno, quando la nazione ospitante inaugurerà la competizione contro la Romania. Nel frattempo Sport House analizza squadre e accoppiamenti nei vari gruppi: oggi è il turno del girone C, dove Polonia, Ucraina e Irlanda del Nord proveranno a arginare lo strapotere dei campioni del mondo teutonici.

La Germania si presenta ai nastri di partenza come una delle favorite: il gruppo di Low è affiatato, e può vantare l’esperienza di un mondiale vinto. La qualificazione è stata più complessa del previsto, con un primo posto nel gruppo D strappato con un punticino di vantaggio sulla Polonia, avversaria anche in questo girone. Nonostante qualche dubbio sui risultati, la compagine tedesca fa davvero paura: Neuer fra i pali, Boateng e il neo compagno Hummels in difesa, Kroos in mezzo, Ozil e Draxler attorno a Muller, e un redivivo Mario Gomez in attacco. Una squadra formidabile, che può vantare dalla panchina un fenomeno come Gotze. E, come al mondiale, manca pure Reus per infortunio. Fermare i panzer sarà un’impresa assai ardua.

La Polonia ha compiuto un cammino di qualificazione veramente ottimo, chiudendo il gruppo, come già accennato, a un solo punto dalla corazzata tedesca (sconfiggendola anche in uno scontro diretto). Gli est europei puntano forte al passaggio del turno. Nawalka schiererà un 4-4-2: spiccano le presenze di Glik in difesa, Blaszczykowsky e Zielinsky in mezzo al campo, per ciò che concerne le conoscenze italiane. La star è ovviamente Robert Lewandowsky, fenomenale attaccante, capocannoniere delle qualificazioni con 13 gol. Se mantenesse quegli standard anche nel prossimo mese, la Polonia potrebbe sperare in grande.

Una delle sorprese di questo europeo è la piccola Irlanda del Nord: l’Ulster ha infatti chiuso il gruppo F di qualificazione con un insperato primo posto, domando la concorrenza di compagini alla vigilia più attrezzate come Romania e Ungheria. O’Neill vuole sorprendere anche qui in Francia. I leader della squadra? In difesa McAuley, che ha il vizio del gol, in mezzo Dallas e Davis dovranno dettare i tempi di gioco della squadra, mentre in attacco sarà fondamentale l’estro di Lafferty. Una qualificazione, magari da migliore terza, non sarebbe così campata in aria.

Infine, l’Ucraina: dopo aver concluso al terzo posto il gruppo C, dietro a Spagna e Slovacchia, i gialloblu si sono giocati agli spareggi il posto all’europeo, sconfiggendo col punteggio totale di 3-1 l’ostica Slovenia. Formenko ha a disposizione una squadra molto solida, che fa dell’esperienza e della concretezza il suo marchio di fabbrica. I giocatori da tenere d’occhio sono sicuramente Yarmolenko, 24 reti in nazionale, e il capitano Tymoshchuk, recordman con 142 presenze. Spicca anche il giovane talento classe ’96, Kovalenko, una delle possibili rivelazioni dell’europeo. Certo la concorrenza è spietata, ma gli ottavi sono alla portata degli ucraini.

About The Author

Laureando in lettere, ma la mia arrogante personalità spicca soprattutto nel tempo libero, dove mi dedico molto al collezionismo: due di picche e figuracce su tutto. Il mio brillante palmares annovera: 2 coma etilici, 100 passi in partenza, 3 rinvii a giudizio e una smisurata passione per lo sport.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *