Nba Finals, presentazione dei Golden State Warriors

Nba Finals, presentazione dei Golden State Warriors

Campioni Nba nel 2015, vincitori della Western Conference da tre anni a questa parte, giunti alla terza finale Nba consecutiva, tutte giocate contro i Cleveland Cavaliers, ecco a voi i Golden State Warriors.

La macchina perfetta creata da Steve Kerr negli ultimi anni è stata completamente rivoluzionata all’inizio di questa stagione con l’arrivo nella baia dell’ex Oklahoma City Thunder Kevin Durant; con l’arrivo del 35 dalla California sono partiti molti giocatori importanti per le rotazioni di Kerr ma la macchia perfetta è, se possibile, anche migliorata.

Stagione regolare dominante nella Conference Occidentale chiusa con un record che recita 67 vittoria e 15 sconfitte, nonostante la parte finale di stagione sia stata caratterizzata dall’assenza di Kevin Durant per infortunio; la post season dei Warriors è stata ancora più perfetta con un record da 12-0 (prima volta assoluta nella storia Nba), e tre sweep contro Portland, Utah e San Antonio (complice anche l’infortunio di Kawhi Leonard).

I playoff 2017 hanno visto per i Warriors la consacrazione di Stephen Curry nella post season, giocata (forse per la prima volta negli ultimi tre anni) a livelli altissimi con 28.6 punti di media contornati da 5.5 rimbalzi e 5.6 assist; si conferma una macchina da punti anche Kevin Durant che, giocando dieci partite su dodici, ha totalizzato 25.2 punti di media. Delude le aspettative Klay Thompson che non sta giocando alla sua altezza a livello offensivo con percentuali dal campo piuttosto basse (38.3%), importante comunque la fase difensiva del numero 11.

I Cleveland Cavaliers dovranno stare attenti a Draymond Green che si sta dimostrando la vera arma in più dei californiani: l’Orso Ballerino sta tirando dall’arco con percentuali da urlo (47.2%), producendo 13.9 punti per partita.

I Warriors giocheranno queste Finals senza il loro allenatore capo Steve Kerr, ancora acciaccato per dei problemi alla schiena, al suo posto coach Mike Brown.

Dopo la celebre gara 7 dello scorso anno, nella quale i Cavaliers completarono la rimonta da 1-3 a 4-3 contro i Warriors, queste finali saranno tutte da seguire con la compagine della Baia che vorrà sicuramente conquistare l’anello, per vendicare lo smacco ricevuto da LeBron e compagni.

About The Author

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *